Pages

BEAUTYLISH LUCKY BAG 2021 UNBOXING

It's that time of the year again, Lucky Bag time!
This year I collected quite a few, but it's only fair that I start with the one I keep getting every year since 2017, Beautylish Lucky Bag.
If you are new to this blog I suggest you to read all my previous unboxing post, where I explain in details how this works (you can find my previous posts here 2017, 2018, 2019 and 2020).
So let's see what this year fukubukuro got in store for me:

E' arrivato il momento delle lucky bag! 
Quest'anno ne ho prese alcune, ma penso sia giusto cominciare con quella di Beautylish che è un must have per me dal 2017.
Se è la prima volta che sentite parlare di Lucky Bag o Fukubukuro, vi consiglio di dare un'occhiata ai miei post precedenti di cui vi lascio i link (2017, 2018, 2019 e 2020).
Vediamo cosa contiene la fukubukuro di quest'anno:



This exfoliating powder is activated with water and it provides both chemical and physical exfoliation.
The powder is super fine and it doesn't have any particular smell. 
The more water you add the more gentle it performs.

Questa polvere esfoliante si attiva con l'acqua ed esfolia la pelle sia chimicamente che fisicamente.
La polvere è molto fine e non ha nessun particolare profumo.
Aggiungendo più acqua l'esfoliazione risulterà più delicata, mentre al contrario sarà più intensa con una quantità d'acqua minore.



This quad contains only glitter pressed eyeshadows, the texture is quite smooth, it almost feels wet, it doesn't feel gritty at all.
The colour selection is quite neutral and  the pigmentation is ok, I'm not over the moon about it, I own other CT palettes and the shimmers in my opinion perform better.
It's nice but not outstanding.

Questa palette contiene quattro ombretti tutti glitter.
La texture degli ombretti è molto morbida, quasi bagnata, i glitter quasi non si sentono.
La gamma colori è molto naturale, la pigmentazione la definirei ok.
A dirla tutta non mi fa impazzire, ho altre palette di Charlotte Tilbury e gli ombretti metallici/glitter a mio parere sono molto più performanti.
Carina ma niente di esagerato.



I've already tried a lot of products from this black owned brand, in fact I also reviewed some of them here in this post, and I really enjoyed pretty much everything.
This lipstick though, to be honest, is not my cup of tea, it's a dark berry shade with intense frosty green sparkles and I'm very pale so it doesn't really complement my skin tone.
It smells divine and quality wise I can't say anything bad about it, it's just not for me sadly.

Ho già provato alcuni prodotti di questo black owned brand, infatti potete trovare la mia review in questo post, e mi è piaciuto praticamente tutto.
Questo rossetto però proprio non fa per me. E' un color vinaccia ricco di glitter verdi che non è adatto al mio incarnato pallido.
Il profumo è pazzesco e per quanto riguarda la qualità in sé del prodotto, non posso dire nulla di negativo, solo non fa per me, purtroppo.



The Chromium Multichrome Liquid Eyeshadow by Natasha Denona really intrigue me, I really would like to try them, but I've never heard of the Chroma Crystal Liquid Eyeshadow, these are completely new for me.
So I browsed the internet for some references and I got really disappointed really quickly.
I had to try it myself because sometimes the internet is just harsh for no specific reason, but at the end I have to agree with the large majority of makeup lovers. and reviewers.
This product makes your eyelids look older, it enhances all the fine lines, all the little crevices you didn't even notice before, it's crumbly.
A big no.

I Chromium Multichrome Liquid Eyeshadow di Natasha Denona mi hanno sempre incuriosito, mi piacerebbe molto provarli mentre dei Chroma Crystal Liquid Eyeshadow non avevo mai sentito parlare.
Quindi ho fatto un po' di ricerca su internet e mi sono subito innervosita.
Comunque ho voluto provare da sola, perchè spesso internet è gratuitamente esagerato, ma alla fine ho dovuto dare ragione alla maggior parte delle review.
Questo ombretto liquido fa sembrare le palpebre più vecchie, sottolinea ed evidenzia tutte le linee, tutte le piccole crepe della pelle, quelle che manco noi sapevamo di avere, e si sbriciola.
Un deciso no.



I don't want to be rude, but... what the hell! I don't wear false eyelashes, here in Italy lashes are not really a big trend, unless you are a beauty guru or into instagram makeup.
Even if I'd wear them, though, I wouldn't absolutely pick these caterpillars, they scream Halloween to me!
If you are into this kind of look, you do you and I'm no position to determine what is likeable and what is not, but this is not my style. 

Cavolo...no! Non vorrei essere maleducata, ma cosa sono queste? Non so se voi utilizziate ciglia finte, io personalmente no, ma anche se volessi provare non sceglierei mai questo tipo, se non per un look di Halloween!
Intendiamoci, io non sono assolutamente nella posizione di dire cosa sia bello o meno, ma questo stile proprio non mi rappresenta.




It's my first time with this brushes brand and I've nothing to complain about. 
It's a sleek nice brush and it gets the job done quickly. It seems a really nice quality brush.

E' la prima volta che provo un pennello di Sonia G e non mi posso lamentare.
E' un buon pennello, dal design semplice e facile da utilizzare.



Sadly I already own the same tool from another brand, the only difference is that it's in jade and not in quartz.
I like it, I don't reach for it very often, but I might give it a second chance.

Ho già questo strumento beauty di un altro brand, l'unica differenza è che è di giada verde invece che di quarzo rosa.
Onestamente non lo utilizzo spesso, ma potrei provare a inserirlo più stabilmente nella mia beauty routine.

***

The total value of this lucky bag is $ 176, a lot less than my previous ones (except for the first one), but I guess it's not the value that bothers me.
I love to get these surprise boxes every year for the excitement they build up every time.
This year, though, I felt really underwhelmed unboxing this lucky bag, it just seemed random to me,  random in a bad way.
I feel like they combined  some of the least selling items all together and shipped them to me, which is unfortunate because it really got me questioning about whether to get next year one or not and, knowing myself pretty well, I probably won't.
I know that this can happen, but during this whole 2020 I refrained from buying any makeup and I had high expectation for this lucky bag, so I felt a little bit betrayed by its content and Beautylish.
I mean I know it's just makeup, no big deal, but this time I'm reconsidering purchasing it again.

Il valore di questa lucky bag è di 176 $, di gran lunga inferiore rispetto alle box degli anni passati (fatta eccezione per la prima), ma se devo dire la verità non è il valore economico che mi fa storcere il naso.
Adoro ricevere la lucky bag perchè ogni anno l'aspetto con ansia ed impazienza.
Quest'anno mi sembra che abbiano preso tutto ciò che non sono riusciti a vendere e me l'abbiano spedito, cosa piuttosto spiacevole perchè mi ha fatto pensare se sia il caso di continuare ad acquistare questa scatola a sorpresa, conoscendomi probabilmente non la comprerò.
So benissimo che queste cose possono succedere, ma durante tutto questo 2020 mi sono trattenuta dal comprare prodotti makeup, quindi avevo altissime aspettative per questa lucky bag e mi sono sentita, come dire, un po' "tradita" da Beautylish.
So benissimo che si tratta solo di prodotti cosmetici, non è una tragedia, ma questa volta sto seriamente pensando che non valga la pena acquistarla.  

VERY LAST MINUTE XMAS (OR ELSE?!) GIFT GUIDE AND INSPO

To be completely honest with you, this year I struggle quite a bit to find my festive spirit.
When it comes to Christmas though, I still enjoy buying presents for my loved ones very much and while I was doing some Christmas shopping, this urge to share my gift ideas kept popping in my head.
Sadly I didn't pay much attention to this blog in this whole year, but I've always found sharing therapeutic, so here we go.
Disclaimer: most of the gift I will mention are from local business based in my city (Bologna, Italy) some might have a shop online and I will link it, but it might be difficult to get your order shipped to you if you live abroad. You can definitively still try or at least get some inspo from this article.

Se devo essere completamente sincera quest'anno lo spirito natalizio mi ha un po' abbandonato.
Quello che non mi manca però è la voglia di fare regali ai miei cari e mentre terminavo gli ultimi acquisti, questa idea di condividere la mia lista ha continuato a venirmi in mente.
Purtroppo quest'anno non ho dedicato molto tempo al blog, ma ho sempre pensato che scrivere qui fosse anche un po' terapeutico, quindi partiamo!
Disclaimer: la maggior parte delle idee regalo sono di imprese locali della mia città, Bologna, alcune hanno uno shop online altre no, e ormai in questi giorni di zona rossa sarà ancora più difficile poter fare acquisti. Considerateli allora come spunti per dei bei regali pensati con il cuore da fare anche dopo le feste!
  • GOURMET GIFTS FOR THE FOOD LOVER
If you live in Bologna and you still haven't tried Gelateria Galliera 49, you are totally missing out. 
I'm not going to suggest you to buy ice cream this time though, because they came out with an incomparable line of spreadable and compotes. I'm talking about cocoa beans, pistacchio, almonds, chestnuts and much more.
They also decided to name each delicious spreadable with a dialectal word, you can have fun looking up their meaning and have a laugh while indulging in some creamy deliciousness.

Se vivete a Bologna e non siete mai andati dalla gelateria Galliera 49, avete fatto molto male e urge correre ai ripari!
In questo caso però vi vorrei parlare non del loro gelato pazzesco, ma della loro nuova linea di spalmabili e composte.
Sto parlando di fave di cacao, mandorle, pistacchi, castagne e molto altro ancora.
Per ogni spalmabile hanno scelto un nome in dialetto bolognese che vi farà fare due risate, un argomento di conversazione in più durante le feste!

Pictures by Galliera 49 

Caminetto D'Oro is another institution here in Bologna and when I saw their food box I genuinely thought it was brilliant.
It's a journey into Bologna's festive food traditions and I know everything will be delicious because I've been to this restaurant and its bistrot many many times.
This box is a full meal experience for two, from appetizers to dessert, perfect if you would like to try some typical dishes or impress your +1 pretending you actually did all the effort.

Il Caminetto D'Oro è una vera istituzione qui a Bologna e quando ho visto la loro box per queste feste ho davvero pensato che fosse geniale!
E' un viaggio nella tradizione eno-gastronomica bolognese e so con certezza che tutto sarà squisito perchè ho avuto il piacere di mangiare da loro anche nel bistrot, tantissime volte.
Questa box delle meraviglie è un pasto più che completo per due, semplicemente perfetta se volete impressionare il vostro ospite fingendo di aver fatto voi tutto il lavoro.

Pictures by Caminetto D'Oro
  • FASHION STATEMENT FOR THE FASHION VICTIM
I came across this brand ages ago completely by chance and I fell in love with their bags.
Gamberini Bag allows you to personalize your bag with selected frames and appliques that renovate and elevate your style every time in a different way.
I love the idea of an artisan's product that combines innovation and tradition.
I do own a Gamberini and it's a pleasure to wear.
You can find multiple options on their website and also gift card available.

Ho scoperto questo brand secoli fa partecipando ad uno speciale "mercatino" di artigiani e designer e mi sono innamorata delle loro borse.
Le borse di Gamberini sono personalizzabili con meravigliose appliques e cornici che creeranno ogni volta un accessorio nuovo che eleverà il vostro intero look.
Anche io ho una Gamberini ed è un piacere indossarla.
Potete trovare tantissime opzioni sul loro sito e anche delle gift card se siete proprio indecisi su cosa acquistare.

Pictures by Gamberini Bag
  • THE PLANT THAT EVEN THE WORST SERIAL PLANT KILLER WOULD NOT BE ABLE TO MURDER
I actually received this as a gift a few days ago and I was mesmerized by its perfect simple beauty.
Terraviva Design creates mini auto nurturing gardens enclosed in glass jars.
Just observing it it's heartwarming, that's my honest experience.

Ho ricevuto un Nano Garden in regalo da cari amici proprio qualche giorno fa e sono rimasta ipnotizzata dalla sua bellezza, semplice e perfetta.
Terraviva Design crea questi giardini che si auto mantengono e li racchiude in contenitori di vetro di forme e grandezze diverse.
Ogni volta che guardo questo vaso magico il mio cuore sussulta, esperienza consigliatissima.



Pictures by Terraviva Design
  • THE COMIC BOOKS THAT BRINGS TOGETHER ITALY AND JAPAN
I found out about Elisa Menini through her Instagram and I had the chance to meet her in person during a Nipponica (cultural association where I've been studying Japanese) event while she was selling silk  screen printed totes with her amazing designs.
Her work is so fascinating, her style recall '700-'800 Japanese painters and I wish I will find her publications under my tree!

Ho scoperto Elisa Menini grazie ad Instagram e poi ho avuto la fortuna di incontrarla di persona ad un evento organizzato da Nipponica (l'associazione culturale che organizza i corsi di Giapponese che ho frequentato fino a quest'anno), mentre stava serigrafando borse e magliette con la sua ultima stupenda illustrazione.
Trovo i suoi lavori davvero coinvolgenti ed affascinanti, il suo stile richiama quello dei pittori giapponesi del '700-'800 e solo io so quanto vorrei trovare le sue pubblicazioni sotto l'albero!

Picture by Elisa Menini
  • GORGEOUS JEWELS THAT WILL MAKE A GOOD IMPACT IN THE WORLD
This brand also is very dear to my heart, See Me is a fair trade jewelry brand that produces heart shaped accessories made by women victim of violence.
I remember buying my first Devy silk bracelet ages ago and then reading everything I could find online about them.
Their production grew so much and their products are the most meaningful gift you can choose.

Anche questo brand ha un posto speciale nel mio cuore.
See Me è un brand di commercio equo che produce gioielli fatti a mano da donne vittime di violenza.
Mi ricordo quando ho comprato il mio primo braccialetto Devy in seta e poi ricordo di aver cercato qualsiasi possibile notizia online su di loro ed esserne rimasta davvero colpita.
La loro produzione è cresciuta moltissimo e i loro gioielli sono sicuramente il regalo più ricco di significato che potete scegliere di fare.
Pictures by SeeMe


I know this post comes very late, but I really felt like writing something and here it is.
I hope I kept you entertained for a few minutes, I wish you all  very happy holidays and celebrations.

So benissimo che questo post arriva super in ritardo, ma avevo davvero voglia di scrivere ed eccomi qui.
Spero di avervi intrattenuto qualche minuto e vi auguro il meglio per queste feste.

BLACK OWNED BEAUTY BRANDS I LOVE | UOMA BEAUTY

I found out about UOMA BEAUTY on Cult Beauty's website (UK beauty e-commerce) and I was immediately intrigued by the packaging and the vibrant color schemes.
I wanted to try getting to know the brand, so I placed quite a huge order, from eyeshadow palette to lipglosses and even eyeliner.
Let's get started with the review.

Ho scoperto UOMA BEAUTY sul sito di Cult Beauty (beauty e-commerce inglese), e sono subito rimasta colpita dal packaging e dall'intensità dei colori proposti.
Decisa a provare più prodotti possibile ho fatto un ordine piuttosto grosso, spaziando dagli ombretti ai gloss e persino all'eyeliner, ma andiamo con ordine.


BLACK MAGIC COLOUR PALETTE IN ALLURE (€ 52 CB website, € 39,95 UB website)

As usual, eyeshadow palettes are my favourite things to buy and this one just caught my eyes right away.
The packaging is very sleek and sturdy, the palette has a cardboard sleeve that has the same decoration.
It has a nice wide mirror and 10 eyeshadow pans with a combination of golds, greens, pink and purple.
Pigmentation is really nice, the mattes are really saturated vibrant colours and the pressed glitters give that beautiful wet metallic effect.
The darker mattes need to be applied quite carefully, since they are so pigmented, and the metallic/glittery shades might have fall out so I would bake under the eyes or do the base after the eyes to avoid the eventual mess.
If you apply them wet of course they will have a even more intense pay off.
As per usual here are two links to see how this palette performs on darker skin tones:

Come sempre le palette occhi sono il prodotto che mi attira di più in assoluto e questa in particolare la trovo bellissima.
Il packaging è molto curato, la palette è protetta da una custodia in carta spessa che ne riprende il disegno.
All'interno troviamo un bello specchio 10 cialde di ombretti sui toni principalmente oro e verde con qualche accenno di rosa e viola scuro.
La pigmentazione degli ombretti è incredibile, gli opachi sono saturi e vibranti, poi abbiamo dei metallici che sono sostanzialmente glitter pressati che regalano un effetto bagnato e luminosissimo.
Per quanto riguarda gli opachi, soprattutto i due più scuri, è meglio prelevare poco prodotto visto che sono molto scriventi.
Per i glitter invece applicandoli bagnati si ha un risultato ancora più intenso, per evitare fall out meglio stendere un bello strato spesso di cipria sotto gli occhi oppure fare la base in un secondo momento.
Come al solito vi lascio dei link dove potrete vedere la palette in azione su incarnati scuri:


BADASS ICON MATTE LIPSTICKS (€ 26,25 CB WEBSITE, € 21,95 UB website)

Lipsticks' packaging is also sleek and luxurious, satin white with the brand name carved on the cap and "A BADASS DOES NOT TALK ABOUT BEING A BADASS" written on the bottom half of the lipstick.
The caps have a magnetic closure and every lipstick is dedicated to an afroamerican icon.
I picked up Maya and Myriam, I couldn't find particular explanation on the website, so I researched a little myself and found two incredible women that could be the perfect match: Maya Angelou e Miriam Makeba (if I'm mistaken pease let me know in the comments below!), just by clicking on their names you will find out more about their amazing yet very difficult lives.
These matte lipsticks' texture is super creamy, light and comfortable on the lips, one swipe and you get full opacity.
The shades I chose turned out to be quite darker on me than what I expected from the website's swatches, but still wearable and gorgeous colours.
Maya is a dark rosy nude while Myriam is more a burgundy colour.
Here is a video with all the lip products swatches on a darker complexion:

Anche in questo caso il packaging è davvero molto bello, bianco satinato con il nome del brand in rilievo ed una frase che cita "A BADASS DOES NOT TALK ABOUT BEING A BADASS".
La chiusura è magnetica e ogni rossetto è dedicato ad un'icona femminile della comunità afroamericana.
I rossetti che ho scelto sono Maya e Miriam, non ho trovato particolari spiegazioni sul sito del brand, quindi ho deciso di fare una piccola ricerca e penso di aver trovato le due incredibili donne che corrispondono a questi rossetti: Maya Angelou e Miriam Makeba (se sbaglio fatemelo sapere nei commenti!) di cui vi lascio il link a Wikipedia se volete saperne di più sulle loro vite difficili e straordinarie.
La texture di questi rossetti opachi è cremosa e leggera, sono confortevoli sulle labbra, con una sola passata si ha piena coprenza.
I colori che ho scelto risultano molto più scuri sul mio incarnato rispetto agli swatches che ho visto online, ma sono comunque belli da indossare.
Maya è un nude scuro rosato, mentre Myriam vira più al borgogna.
Vi lascio il link ad un video dove vengono swatchati sia i rossetti che i gloss, di cui vi sto per parlare, su pelle scura:


BOSS GLOSS LIQUID MARBLE (€ 23,80 CB website, € 7,95 UB Website)

This product is quite peculiar, it's shiny like a gloss, has the pigmentation of a tint and a cooling effect when you apply it.
At the beginning it feels quite sticky, but then the more you wear it the more the stickiness goes away and the colour fades to leave a nice stain on the lips.
The formulation includes lychee extracts that should have soothing properties.
I got the shade Passion, a browny nude, and Rose, a strawberry pink.

Questo prodotto è davvero particolare, è lucido come un gloss,  ha la coprenza di una tinta ed un effetto rinfrescante quando lo si applica.
All'inizio è un po' appiccicoso sulle labbra, ma man mano che lo si indossa questa sensazione sparisce, la pigmentazione diminuisce leggermente e lascia le labbra colorate.
La formula comprende anche estratti di lychee che ha proprietà emollienti.
Ho scelto le colorazioni Passion, un nude tendente al marrone e Rose, un color fragola.


AFRO.DIS.IAC LIQUID EYELINER (€ 19,50 CB website, € 16,95 UB website)

This purchase was quite a  risk, I have hooded eyes and every liquid eyeliner ends up smudging and staining my eyelids, but every now and then I like to try it again and miserably fail.
Even this one sadly is no exception, I mean it has a nice felt tip and it's easy to apply, but it's just not for me, I don't reach out to use it and I always go back to my trusty pencil liners.
If you, unlike me, are into liquid eyeliners, this might be right for you.

Questo è stato un acquisto un po' azzardato, ma ogni tanto ho voglia di riprovare gli eyeliner liquidi, per poi rassegnarmi all'idea che non sono il prodotto che fa per me.
Ho le palpebre cadenti e gli eyeliner liquidi solitamente finiscono per macchiarle inesorabilmente.
Anche questo purtroppo non fa eccezione, la punta è molto flessibile ed è anche pratico da applicare, ma devo ammettere che ogni volta torno sempre ad usare le matite occhi.
In ogni caso se siete amanti degli eyeliner liquidi questo potrebbe fare al caso vostro.

 

Overall it's a really interesting brand, I love the inclusivity and also the meaning behind the names and the products, it feels like they also care about the value they stand for and I really appreciate it.
It's not a cheap brand, at least here in Europe, but I guess you pay for the quality and also for the fine packaging.
I suggest you to check it out, I also heard that their foundation is amazing.
Being the palest ghost on planet makes it quite difficult for me to buy foundation online, so I didn't, but I've heard great reviews.
Let me know your thoughts in the comment section below.
See you soon on the blog.

Concludendo credo che sia un brand davvero interessante, mi ha colpito, oltre all'inclusività, l'idea di collegare ai nomi dei prodotti anche messaggi più impegnativi, mi dà l'idea che il loro team comunque cerchi di dimostrate concretamente i valori che lo contraddistingue e lo trovo notevole.
Sicuramente non è un brand economico, almeno in Europa, immagino si paghi per la qualità dei prodotti e per il packaging.
Vi consiglio di darci un 'occhiata perchè ne vale la pena, ho anche sentito parlare molto bene del loro fondotinta.
Essendo la mia pelle così chiara, non compro mai fondotinta online perchè è difficile trovare quello giusto, ma comunque ho visto ottime reviews.
Fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti qui sotto.

10 DAYS IN JAPAN (MAY 2016) - DAY ONE

Today exactly 4 years ago I landed in Japan for my first ant till now sadly only time in Japan.
If you follow me on Instagram (@snoop_around) my huge passion for this country shouldn't  be a surprise.
This connection started when I was just 13 years old when I bought my first two manga (Dragon Ball an Sailor Moon) and it kept taking roots inside me till now.
When I came back from my quick 10 days in Japan, I really wanted to write everything about my experiences and I even started with a post all about travel preparation and other useful info, so I will leave the link here because that I think it still can be helpful to plan your next trip.
To celebrate this 4th year anniversary I decided to keep the promise I made to myself and travel back through those amazing 10 days and write all about it, crazy idea since I work full time, but I still want to commit to it.

Oggi sono trascorsi esattamente 4 anni dal mio primo e unico (purtroppo) viaggio in Giappone.
Se seguite la mia pagina Instagram (@snoop_around) siete già a conoscenza dell'amore incondizionato che provo per questo Paese, una connessione che è nata ad appena 13 anni quando ho comprato i miei primi manga (Dragon Ball e Sailor Moon) e che ha continuato a radicarsi in tutto questo tempo.
Qualche hanno fa avevo deciso di descrivere punto per punto tutta la mia esperienza in Giappone, ma sono riuscita a pubblicare solo il primo post dedicato alla preparazione del viaggio, post di cui comunque vi lascio il link, visto che ha avuto un discreto successo e lo ritengo davvero utile per organizzare un futuro viaggio.
Per celebrare questo anniversario ho deciso di mantenere quella promessa che mi ero fatta e così in stile kamikaze, mi lancio in questa impresa impossibile (lavoro full time) di ripercorrere i 10 giorni di questo viaggio per me davvero incredibile.


Me and my hubby landed at Haneda airport at about 5 in the morning, totally wrecked by jet lag but speachless because we finally made it to Japan.
Everything was closed and we needed to get our Japan Rail Pass, in 2016 you had to order your JR Pass online but then you could only get it in Japan from a JR Office.
This pass allows you to take every JR train even Shinkansen (bullet train) with the exception of Nozomi and Mizuho.
You can also use it to take the Yamanote Line in Tokyo, just remember that you have to go through a special entrance and show it to the officer,  don't try to enter through the normal gates!
There are various passes, depending on your travel program you could opt for a regional pass or the  national one.
It can also be valid for 7, 14 or 21 days, depending on your stay.
It's very convenient if you plan to move a lot in Japan.

Siamo arrivati all'aeroporto di Haneda alle 5 del mattino, totalmente sconvolti dalle ore di volo e increduli di essere finalmente arrivati.
Haneda dista da Tokyo solo 30 minuti, a differenza dell'aeroporto più conosciuto, quello di Narita, che dista circa 1 ora.
Alle 5 del mattino abbiamo trovato tutto chiuso e avevamo bisogno di ritirare il Japan Rail Pass, che nel 2016 si ordinava online, ma si doveva necessariamente ritirare in un ufficio della JR line.
Questo pass consente di utilizzare tutti i treni della linea JR, compresi gli Shinkansen (bullet train) fatta eccezione per il Nozomi e il Mizuho.
Può essere utilizzato anche sulla Yamanote Line e per usarlo bisogna necessariamente passare dall'entrata sorvegliata ed esibirlo, non cercate di passare dai tornelli comuni!
Ce ne sono di vari tipi e a seconda del vostro programma di viaggio si può optare per un pass regionale, oppure per quello valido in tutto il Giappone.
Ha una validità di 7, 12 o 21 giorni ed è davvero conveniente se pensate di fare più spostamenti.


If we knew better, we could just go to Shinagawa Station and wait there for the office to open, but we were so sleepy and clueless, so we decided to wander in the airport looking for something to do.
After about 1 hour Bic Camera opened and we decided to get some data sim.
The sale woman couldn't speak a word of english and kept smiling and bowing, so we randomly picked up one.
After that, we got stopped by a shop attendant (?) who sold us two Tokyo 72 hours subway pass for 1500 Yen each, we bought it almost unconsciously, but it turned out to be very handy and saved us a lot of money for our last 3 days in Tokyo.
Both the JR Pass and the Subway Pass are for foreign tourist users only, they are quite a bargain in comparison to the normal travel fares.

Col senno di poi avremmo potuto andare direttamente a Shinagawa e aspettare lì l'apertura degli uffici, ma eravamo assonati ed inesperti quindi ci siamo messi a vagare per l'aeroporto alla ricerca di qualcosa di aperto.
Dopo circa un'ora ha aperto Bic Camera così siamo entrati per comprare delle sim dati.
La commessa non parlava una parola di inglese, ha continuato a sorridere e ad inchinarsi e noi abbiamo scelto a caso.
Dopo questo primo acquisto siamo stati intercettati da un simpatico commesso (?) di un altro punto vendita che ci ha convinto ad acquistare due pass per la metro di Tokyo validi 72 ore per 1500 Yen ciascuno, cosa che sul momento ci sembrava superflua, ma che si è rivelata utilissima, visto che in nostro JR Pass aveva una validità di 7 giorni e noi saremmo rimasti scoperti proprio gli ultimi 3 giorni di viaggio.
Sia il JR Pass che i vari abbonamenti sono pensati esclusivamente per i turisti e consentono un risparmio notevole sulle tariffe normali.


In the meanwhile a long queue formed in front of the JR Office, so we had to wait in line, already thinking anxiously that we were loosing precious time.
We managed to get the passes easily and also book Shinkansen seats to go to Kyoto, our first destination.
From there my memories get a bit confused, I know we took the Keikyu Railways to Shinagawa Station to take the Shinkansen.
Everything went pretty smooth, all the signs were written in Kanji and in Romaji (latin alphabet) and in every station it's easy to find information point with english speaker staff.
We found our platform and we waited in line.
To get on the train you have to queue on the right or the left side of the sliding doors, you will find the queue starting points well delimited on the platform.
The Shinkansen has both first and second class coaches, but also coaches with no assigned seats perfect for those who buy last minute tickets.
Embodying the Gaijin (foreigner) stereotype we got the coach right, but the seats wrong, so we moved 3 times during the train ride bothering also other passengers.

Nel frattempo si era formata una coda abbastanza lunga davanti all'ufficio per il rilascio del pass, quindi ci siamo messi in fila già in preda all'ansia di perdere tempo.
Per fortuna siamo riusciti a comunicare in inglese, ci hanno consegnato i pass e siamo anche riusciti a prenotare uno Shinkansen per Kyoto, la nostra prima tappa del viaggio.
Da qui i ricordi sono un po' confusi, abbiamo preso la Keikyu Railwais e siamo arrivati a Shinagawa, stazione di Tokyo da dove partono gli Shinkansen.
Devo ammettere che è stato tutto facile, tutti i cartelli sono anche in Romaji (alfabeto latino) e nelle stazioni ci sono uffici informazioni dove poter comunicare facilmente in inglese.
Abbiamo trovato il binario corretto e ci siamo messi in fila.
Per salire ci si dispone su due file, a destra e a sinistra delle porte, l’inizio delle rispettive file è delimitato da strisce gialle o bianche.
Lo Shinkansen ha sia vagoni prima classe che seconda classe, dove i posti sono prenotabili, ma ha anche alcuni vagoni liberi dove i posti non sono assegnati, perfetti per chi acquista il biglietto all'ultimo minuto.
Da classici Gaijin (stranieri) abbiamo azzeccato il vagone, ma non i posti prenotati, quindi ci siamo alzati almeno 3 volte durante tutto il viaggio, facendo spostare anche altri passeggeri.


It took almost 4 hours to get to Kyoto and we literally passed out, we almost lost our stop.
When we arrived at Kyoto station we were amazed by how majestic and modern it was.
I don't know why, but we were expecting something older and less futuristic.

Il viaggio è durato quasi 4 ore e noi siamo letteralmente entrati in coma, tanto che abbiamo quasi rischiato di perdere la nostra fermata.
Arrivati a Kyoto siamo rimasti increduli davanti all’imponenza e alla modernità della stazione, che noi immaginavamo (non so perchè) molto più dimessa e meno futuristica.


We couldn't make the data sim working, so we used random free wi fi to spot our Ryokan (traditional hotel), the Sakura Honganji, which is located in between two famous Tera (Buddist Temple) the Nishihonganji and the Higashi Honganji.
It took us about 15 minutes walking from the station to get there.

Ancora senza sim funzionante nel telefono, utilizzando wi fi a caso, destreggiandoci nell improvvisa umidita, ci siamo diretti al Ryokan (albergo tradizionale) che avevamo prenotato, il Sakura Honganji, situato tra il Nishihonganji (che è proprio di fronte) e l'Higashihonganji, due Tera (templi buddisti) della setta Jodo Shinshu, a soli 15 minuti a piedi dalla stazione.


Our room wasn't ready so we left our luggages and wandered out and about, starting from the Nishihonganji temple.
We got into a what looked like an information center asking for a guide, we meant like a panphlet but instead a monk showed up offering to walk us through the temple.
It was surreal, we were totally jet lagged, walking through history, on the other side of the world.
I spent time observing the wooden boards, on which we were walking with no shoes, from time to time I found a mini Fuji San or a little elephant, "patches" used to repair the worn out boards.
When the visit ended the monk refused to take money, asking us instead to leave an offer if we wanted to.
I felt guilty because we had a private tour for free, so I let slide a 2000 Yen bill (20 $) in the donation box.
Later we found out that 2000 Yen bills are very rare, we changed the money back in Italy and we had plenty of them.
From the Nishihonganji we went to the Higashihonganji, this time with no guide and less alert, but very focused on staying awake to fight jet lag.

Al nostro arrivo la camera non era ancora pronta, quindi abbiamo lasciato zaini e valigie e abbiamo cominciato a girovagare nei dintorni dell'albergo, partendo proprio dal Nishihonganji.
Per puro caso siamo entrati in quello che ci sembrava un centro informazioni chiedendo di una guida, intendevamo una cartacea ed invece dopo pochi minuti è apparso un monaco che ci ha accompagnato a visitare il tempio.
E' stato surreale, noi scombussolati dal jet lag a passeggiare nella storia, dall'altra parte del mondo.
Mi sono soffermata a guardare le assi di legno su cui camminavamo senza scarpe, dove ogni tanto spuntava qualche forma particolare, un piccolo Fuji San o un elefante, "toppe" usate per aggiustare  le assi consumate.
Finita la visita il monaco non ha voluto nulla, ci ha chiesto se volevamo al massimo lasciare un'offerta ed io, nel mio impareggiabile senso di colpa per aver usufruito di un servizio gratuito, ho lasciato scivolare nella fessura delle offerte una banconota da 2000 Yen  (circa 18 Euro).
Tra l'altro poi abbiamo scoperto che le banconote da 2000 Yen sono rarissime, invece noi cambiando i soldi in Italia ne eravamo pieni.
Dal Nishihonganji siamo passati all'Higashihonganji, questa volta senza guida e sempre meno lucidi, ma decisi a tirare fino a sera per combattere il jet lag.


We decided to end our little tour with the Shosei En gardens, that are part of the Higashihonganji complex, but located 15 minutes away by feet.
Venturing inside the dedalo of smaller and less crowded streets, we saw what seemed an half-closed house door, finding an artisan inside his workshop painting textiles, maybe kimono.
We resisted the temptation of bothering him with questions, but we spent a few minutes observing him working.

Abbiamo deciso di concludere il giro con la visita ai giardini Shosei En, che fanno sempre parte del complesso dell'Higashihonganji, ma sono a circa 10/15 minuti a piedi di distanza.
Avventurandoci tra le stradine meno trafficate, non abbiamo potuto fare a meno di sbirciare da quella che inizialmente sembrava una porta socchiusa di una casa, per scoprire al suo interno un artigiano che dipingeva stoffe probabilmente da kimono.
Abbiamo resistito all'impulso di disturbare, ma lo abbiamo osservato in silenzio per qualche minuto.


When arrived at this gorgeous garden, first thing we did was buying a cold coffe can from the vending machine, jet lag was almost taking over us.
We stumbled upon a photoshoot so we decided to take advantage of it, taking some pictures as well.
The gardens' background were concrete buildings, this kind of contrast between antique and modern, silence and caos, was incredibly fascinating.

Siamo così arrivati ai giardini, dove per prima cosa abbiamo comprato una lattina di caffè freddo da una vending machine, ormai il jet lag stava avendo la meglio su entrambi.
Ci siamo imbattuti in un servizio fotografico e così abbiamo approfittato scattando qualche foto con le modelle in posa.
Il giardino aveva sullo sfondo palazzi moderni e questo tipo contrasto tra l'antico ed il moderno, tra il silenzio e il caos è davvero affascinante.


We got back to the Ryokan very curious to see our tatami room which was small but cozy.
There was a little corner designed to have a cup of tea, our futons were in the wardrobe, the toilet had a separated room from the proper bathroom with a sink, a mirror and a bath thub/shower.
Obviously you have to leave your shoes at the entrance (this area is called Genkan) but you also had to switch from your slippers to the "bathroom" ones before entering.

Siamo tornati al Ryokan e siamo andati a scoprire la nostra stanza tradizionale con i tatami ed i futon per dormire. C'era un piccolo angolo predisposto per gustare del the, lo stanzino con i servizi igienici (che sono solitamente separati dal resto del bagno) ed il bagno vero e proprio con lavandino, specchio ed una piccola vasca/doccia.
E' scontato che ci si tolga le scarpe prima di entrare (l'area dove si lasciano le scarpe si chiama Genkan), ma anche per entrare in bagno si usano delle ciabatte apposite.


Since it was still afternoon, we decided to endure so we freshened up and got out to find something to eat. 
With no internet we used a simple paper map and we tried to get to the city center.
Keep in mind that Kyoto has buses and subway, so unless you are huge fan of endless walks, take the public transportation!
We walked on Kamogawa river bank, people started to gather there while the sun was getting down.
We made our way through the long road of Pontocho, full of any kind of restaurants and people, a place where if it wasn't for tourists, everything seems crystallized in time.

Era ancora pomeriggio, quindi, facendo appello alle nostre ultime risorse, ci siamo rinfrescati e siamo usciti per mangiare qualcosa.
In tutta la giornata non eravamo riusciti a far funzionare la sim dati, quindi senza internet e con mappa cartacea in mano ci siamo avventurati a piedi verso il centro.
Tenete bene a mente che a Kyoto ci sono autobus e metropolitana quindi, a meno che non siate fan delle passeggiate chilometriche ed interminabili, utilizzateli!
Abbiamo passeggiato sulle sponde del fiume Kamo che mano a mano che scendeva la sera cominciava a popolarsi.
Ci siamo addentrati nella lunga stradina di Pontocho, stracolma di ristoranti e brulicante di persone, dove, se  non fosse per noi turisti, tutto sembra cristallizzato nel tempo.


Deciding where to eat became a task more complicated than what we expected.
The humid hot weather made us looking constantly for water instead of food that seemed almost unnecessary.
Right unnecessary, unbelievable right? We were finally able to try authentic japanese food and we had not the desire to.
At the end we went for a low-cost kaiten sushi quite popular in Kyoto, Sushi no Musashi.
After avoiding food for the whole day the spell was broken and my husband went for it.
The plates tower was a 100% his fault!

Decidere dove mangiare si è rivelato estremamente più complicato di quello che ci aspettavamo.
Il caldo umido ci aveva reso inappetenti (cosa incredibile), eravamo alla costante ricerca di acqua e il cibo sembrava quasi superfluo.
Esatto superfluo, dopo aver aspettato una vita per mangiare autentico cibo giapponese.
Alla fine abbiamo optato per un sushi economico, il Musashi, un kaiten sushi (sushi servito sul nastro) piuttosto popolare a Kyoto.
L'incantesimo si è rotto e mio marito si è sbizzarrito, la torre di piattini che vedete nelle foto è colpa sua!


We ended the night playing videogames in an arcade, my hubby even won two Rilakkuma and Ko-Rilakkuma plushies.
I also did some last minute shopping and got two eyeliners, one from Versail No Bara and one from Urusei Yatsura.
We also stopped by a Conbini (convenient store) to buy more water and soma sweet snacks (delicious Pocky).

La serata si è conclusa giocando in una salagiochi dove mio marito è riuscito a vincere due mini peluches di Rilakkuma e Ko-Rilakkuma, poi con un mini giro di shopping in una specie di profumeria dove ho acquistato un eyeliner di Lady Oscar e uno di Lamu.
Ci siamo anche fermati in un Conbini (Convenient Store) per comprare altra acqua e qualche snack dolce (Pocky, i nostri Mikado per intenderci).


We got back in our room at about 10.30, we took a shower and got in our Yukata (light night vest) we placed our futon and passed out.
The morning after, my husband told me that he woke up in the middle of the night thinking about how to fix the sim issue, so he got in the hotel hall looking for something to open the Iphone's sim slot and he saw a woman's face with long black hair enlightened by the bluish cellphone light.
Luckily he didn't scream in fear, realizing in a few seconds that she was one of the hotel staff killing time.
This ends the first day in Japan, I'll see you tomorrow with the next post about one of the most important travel of my life.

Arrivati in camera alle 10.30 circa, ci siamo fatti una doccia e abbiamo indossato i nostri Yukata (una veste leggera da camera) abbiamo steso i futon e siamo letteralmente svenuti.
La mattina dopo mio marito mi ha raccontato di essersi svegliato durante la notte con il chiodo fisso di sistemare il problema della sim  perchè senza internet vi assicuro che organizzarsi è davvero difficile, è sceso giù nella hall alla ricerca di qualcosa di appuntito per aprire lo sportellino nell'Iphone e si è trovato davanti nel buio pesto un volto di donna con i capelli neri illuminato dalla luce bluastra del cellulare.
Per fortuna è riuscito a non urlare davanti ad una delle signore dello staff che stava probabilmente ammazzando il tempo col cellulare.
Così si conclude la prima giornata nel paese del Sol Levante, vi aspetto domani per la seconda puntata di questo viaggio che considero uno dei più importanti della mia vita.

 photo copyright.jpg
blogger template by envye